Siti Unesco del Piemonte: alla scoperta di una regione ricca di meraviglie

piemonte

Un elenco utile per il vostro itinerario di viaggio

Quali sono i posti più belli da vedere se si è in visita nella regione piemontese? Un modo utile per rintracciarli potrebbe essere quello di fare riferimento alla lista Siti Unesco del Piemonte, che raggruppa alcuni dei luoghi più interessanti dal punto di vista naturalistico, architettonico e culturale.

Abbiamo pensato di realizzare per voi un elenco utile, prendendo in considerazione i siti che nel tempo si sono aggiudicati un riconoscimento dall’Unesco. Ecco dunque quali sono in posti da non perdere.

Le Residenze Sabaude

Le Residenze Sabaude sono entrate a far parte dei siti Unesco nel 1997. Questi edifici risalgono al 1563. Esse nascono da un’iniziativa di Emanuele Filiberto, duca di Savoia, che intendeva riorganizzare il territorio torinese. Il sito oggi comprende 22 residenze, parte delle quali situate nel centro di Torino e nelle zone limitrofe.

I Sacri Monti

I Sacri Monti del Piemonte e della Lombardia includono nove monti raccolti tra le due regioni italiane, diventati Patrimonio Mondiale dell’Umanità nel 2003. Essi sono stati dichiarati siti Unesco non solo per la bellezza dei paesaggi presentati ma anche per il valore architettonico e culturale conservato. Ognuno di questi assetti arroccati in altura, infatti, dà vita a centri storici antichissimi, basiliche o chiesette di grande interesse.

Le palafitte dell’arco alpino

I siti palafitticoli preistorici del Piemonte sono stati inseriti – assieme a quelli di Svizzera, Germania, Francia e Slovenia – nella World Heritage List dell’Unesco. Queste aree – riconosciute ufficialmente nel 2011-  rappresentano delle aree archeologiche preziosissime, in quanto testimoniano la presenza sul territorio di insediamenti agrari dell’antichità.

La città di Ivrea

Ivrea è una città diventata Patrimonio dell’Umanità nel 2018. Pur essendo una località molto bella non è il suo fascino ad averla collocata tra i siti Unesco più interessanti del Piemonte, quanto piuttosto la sua natura da città industriale. Ivrea infatti era agli inizi del ‘900 il centro nevralgico dell’industria piemontese e le sue architetture testimoniano ancora oggi l’intenzione di fare di lei il perno principale dello sviluppo economico regionale.

Langhe Roero e Monferrato

Il paesaggio offerto da Langhe Roero e Monferrato è diventato Patrimonio dell’Umanità. Siamo nelle aree vitivinicole del Piemonte ed è proprio per la conservazione di questa pratica che questi magnifici scenari sono oggi un sito Unesco tanto apprezzato.

Close